Le madri

Mia madre è amareggiata per il racconto di qualche tempo fa – Lui è stato. Lui è.

Mi dice..

«Ehi tu! Su tuo padre hai scritto tante cose bellissime, su di me un cazzo di niente.

Io ti ho concepito, partorito, nutrito, allevato…»

«See che più? Non sapevo di avere una madre ermafrodita da concepire da sola.

A ma’ senza l’incontro gerinico de papà non m’avresti!!»

«Siii peró…»

«Però, però… vedi che ho scritto Mangia e magia e Il ladro del tempo» vabbè

«A lui sono tre con Il tempo dei padri»

Ossiggnore

Che mio il padre sia fantasioso l’ho sapete.

Avevo sette anni..

Una volta rispose ad un mio perchè

«Pa’ ma perchè dopo il fulmine tuona?»

«E Gesù, che scarica un camion di pietre»

Ed io immaginavo un Cristo di Zeffirelli a birdo di un camion che guidava da nuvola a nuvola e su quelle grosse e nere scaricava le pietre.

( Aspetta ma’ che ora arrivo a te)

Un pomeriggio ero da solo con mia madre. Tuonava. Di brutto. Ci fù un tuono che sembrava dovesse venir giù la casa…

«Caspita ma’ questo carico doveva essere grosso»

«Che carico?»

«Di pietre, il tuono è Gesù che scarica le pietre»

La sua risposta in stile ..

« laputtana di mammita, altro che il carico. Questo è tuo padre che t’inflippa il cervello sui salici piangenti, guerre stellari in auto e altre boiate varie!!»

😳😳😳😳😳😳😳😳😳😳😳😳😳😳😳🤯

La morte della fantasia di un bambino.

Che se devo proprio scrivere qualcheccosa dovrei descrivere

– le ciabatte dotate di intelligenza artificiale. M’inseguivano anche se giravo l’angolo.

– le cinghiate che ti lasciavano ematomi che neanche il telefono azzurro ha mai visto

– il cucchiaio di legno. Ti lasciava una stampa sulla pelle che oggi nessun tattoo la rappresenterebbe.

E poi … questa è spettacolare. A scuola ero bravino, forse bravo.. bho! Lo dirà la mia maestra presente qui.

Tornava dai colloqui e tutte le volte

«Sei ciuccio, la maestra ha detto che non ti applichi!!! fai domande stupide!!! E sei l’ultimo della classe!!»

Ma come porca miseria è? Sto vivo e morto sui quaderni e libri… mha!

La rivelazione mi fu data dalla mia sorella n.1 quando mi disse

«Frà, continua così, la maestra ha detto che sei eccezionale, fai domande da mettere in difficoltà persino loro. Sei in gamba fratello»

Eh si! Ma questa è la minima parte dei contrasti educativi di un padre e due madri: lei, l’indiscussa creatrice e l’altra è la sorella n.1. ( la sorella n.2 dista da me quattro anni in più ed ho preso cinghiate per lei. Eravamo i sovversivi di casa e non mi ha fatto da mamma. Per fortuna. Sarebbero state troppe)

Peró c’è tanto altro, tante altre cose.. ma credo abbiate capito quanto io sia allergico a scrivere le parole..

amore, affetto, legame e tutte quelle cose piene di zucchero che ti si spappola il pancreas per digerirle.

Bhe ma’! Oggi ho scritto pure pe te!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: